Thursday, March 09, 2006

BBM cookbook






Ieri mattina sono stata svegliata dalla portinaia: l'avevo talmente ossessionata con il fatto che attendevo un pacco che appena è arrivata la posta mi ha chiamato. Praticamente in pigiama sono scesa piena di speranze e ...Era il mio BBM cookbook! Il mio generoso mittente è Berso il quale mi ha mandato un intrigante volume il cui fil rouge è il Prosciutto crudo di Parma, oltre a dei tortelli dolci, che sono stati la mia favolosa colazione, e dei profumatissimi porcini secchi. "30 modi per dire Parma" mi ha fatto pensare con nostalgia ai pochi giorni che ho trascorso nell' incantevole cittadina l'anno scorso, e mi ha fatto venire voglia di tornarci. Inoltre propone delle ricette seducenti che hanno come protagonista il mio insaccato preferito. Insomma grazie al cuoco d'artificio per la sua briosa missiva e i suoi doni e grazie alla dolcissima Sandra che ha organizzato questo blog-evento.



10 comments:

berso said...

sono molto contento. Mi spiace solo di aver impacchettato male i tortelli, pena la rottura.
Noi uomini, non abituati a fare pacchetti e cose simili. ;-)

ciao

Graziella said...

Bellissimo pacchettino! Complimenti a Berso e fortunata la donna che ha potuto assaggiare quei dolci fantastici!

Francesca said...

bello!!

Elisa said...

Il prosciutto crudo non e` propriamente un insaccato...cmq buono!

Kjaretta said...

Berso:la mia bocca non ha visto che erano rotti, ha solo sentito che erano buoni! Grazie ancora.
Graziella e Francesca: sono fortunata, lo so :)
Elisa: sicuramente hai ragione, qualunque mia lacuna tu voglia colmare o errore correggere, sei benvenuta !

Gourmet said...

Bene..anzi benissimo!!!
Appena ci sarete tutti faremo una mega festa!!! Che fortuna kjaretta!! I tortelli dello chef!
;-)
Buon week a tutti cari amici!!
Sandra

rosso fragola said...

kjaretta...Ma sei un'artista!
E come sono spiegate bene le tue ricette. Complimenti!!!

Elisa said...

Kjaretta, il prosciutto crudo non si "insacca" in budelli o vescica dell'animale, ma il coscio, una delle parti piu' prelibate del maiale (ecco perche' e` cosi' buono ;)), viene sottoposto a stagionatura con l'utilizzo del sale, un metodo di conservazione che viene ripreso da Celti e Romani. Della stagionatura fa parte anche una fase detta "sugnatura" ovvero "stuccatura": il prosciutto viene ricoperto di grasso (sugna), ma anche di cereali e pepe per conservare la carne...magari un giorno ci faccio un post sugli insaccati/affettati e saro' piu' precisa. Per convenzione il prosciutto viene definito "salume" che mi suona strano :))

P.S. la mia non era una critica: trovo i tuoi post precisi, eleganti e ben scritti (cosa molto rara :)) ed adoro la tua libreria (l'ho gia' detto una volta :))

Kjaretta said...

Gourmet, che bello non vedo l'ora di una festa!
Rosso fragola: anche tu non scherzi affatto! grazie per la definizione ma non me la merito.
Elisa grazie per questa spiegazione, spero di leggerne una piu' estesa sul tuo blog.
Un bacio a tutti, kja.

alessio said...

Ciao, un saluto da un vero parmigiano che hai conosciuto al matrimonio... :-) Sono commosso per l'affetto che porti ai prodotti della nostra terra, dovrei farti conoscere mia madre che è custode delle ricette familiari ma ho ultimamente sto tentando disperatamente di interrompere la sua storia d'amore con il burro e portarla nel XXI secolo. Non sono ottimista!