Wednesday, December 06, 2006

Quiche con carciofi, vongole e bottarga.





Cucinare con gli avanzi personalmente mi da molta soddisfazione; spesso invento nuove ricette che poi diventano dei piatti dotati di autonomia dagli avanzi in questione. Insomma delle ricette a tutti gli effetti. Questa nasce da un resto di carciofi, qualche vongola che era in esubero per il risotto e la bottarga per legare il tutto. L'ideale è che la prepariate il giorno prima in modo che si impregnino bene i sapori.


carciofi bolliti 5
uova 3
panna 2 dl
ricotta 200 g
bottarga gratuggiata 20g + 20 g
vongole aperte con la loro acqua 100 g
pasta sfoglia un rotolo

Tagliate a fettine i carciofi e saltateli in poco olio. Sbattete le uova con 1,5 dl panna e 20 g di bottarga. Unite le vongole e la loro acqua filtrata. Unite i carciofi. Mescolate la ricotta con la panna. Foderate uno stampo a cerniera con la pasta sfoglia. Bucherellatela con i rebbi di una forchetta e versate il composto di carciofi. Livellatelo e ponete sulla superficie delle quenelle di ricotta e panna. Cuocete a 190 gradi in forno caldo per 40 minuti.
Lasciatela raffreddare quindi spolveratela con il resto della bottarga. Mangiatela l'indomani, i sapori saranno completamente in armonia l'uno con l'altro.

7 comments:

Francesca said...

Io amo le quiche, le torte salate e affini, sia perchè sono un ottimo piatto unico ogni volta con un sapore diverso, sia proprio perchè come dici tu puoi sbizzarrirti con quello che hai in friglo, basta avere gli ingredienti base sempre a portata di mano. Ed il sapore di questa tua quiche mi incuriosisce molto slurp:-P

Anonymous said...

ciao kja, anch'io sono una che inventa all'ultimo minuto...a seconda dell'ispirazione e a seconda di quello che "passa il convento" (ossia quello che c'è nel frigo) , a volte vengono fuori delle cose buonissime...solo che poi non me le ricordo più ;-(

un bacio B-)

Much the cow said...

preferisco immanuel...
cmq questa l'ho provata da "stagionata" come dici tu e ha confermato in me l'idea che l'unico vero tortino è quello di spinaci prosciuto cotto e provolon...anzi quando torni a casa ne fai uno magari :Q___

Anonymous said...

Dev'essere buonissima questa quiche,altro che quiche loraine..!

Acilia said...

Mi è capitato di recente, di cucinare con degli avanzi. Ho dato vita a degli gnocchi con zucchine, speck e sottilette :-)
C'era un sole meraviglioso in quella cucina quel giorno e si intuiva un mare bellissimo.

Non mi sono mai cimentata in una quiche ma ho idea che mi piacerebbe non poco. Potrei iniziare proprio con questa.

Kjaretta said...

Francesca

Anche per me le quiche sono vero amore :-*

Betti
Ma no dai, devi segnartele! Ci vuoi tenere nascoste nuove e sfiziose creazioni?!

Much the cow
Riguardo al tortino ho adempiuto. Per Immanuel NO COMMENT. Le tue citazioni ultimamente sono alquanto discordanti. Ma le fonti hanno in comune il fatto di essere scadenti ;-P

Nini
Sicuramente ha dei sapori diversi :)

Acilia
Ami cucinare e mangiare vicino al mare, vero? Ricordo che evocavi una cena su una terrazza e dei gamberi crudi ad incorniciarla. E poi qualcosa di bianco, forse un palloncino?

Much the cow said...

discordanti? cercherò di chiarire anche a te i numerosi ed evidenti punti di contattp:

Mario ama il nord, è eterosessuale e si esibisce su dei palchi

Basshunter è un uomo del nord, si esibisce sui palchi ed è circondato di figa

Immanuel è un uomo(?), ama la figa e si esibisce anche lui sui palchi

c'è nè abbastanza per far si che òla tua tesi crolli miseramemnte sotto i colpi delle incornate mucchesi...e ricorda..."viene il giorno che spariamo"