Friday, February 23, 2007

Libum con il farro e due ricotte






Ecco un pane alla mia portata, ovvero senza lievito. Tutte le volte che provo a cimentarmi con impasti lievitati finisce sempre male e capisco che l'errore si verifica all'inizio, il lievito si addormenta o comunque va in sciopero nelle mie mani. Così l'unico pane che realizzo con succeso ora come ora è il chapati.
La ricetta la trovate qui sul blog di Comida ed è di facile e veloce esecuzione. Ho accompagnato i libum con prosciutto crudo S.Daniele, dei caprini aromatizzati con l'aceto balsamico tradizione di Modena e una misticanza.
Francesca, ora aspetto di vedere i tuoi.




14 comments:

Pip said...

Evvai, il primo post è il mio! ;D Non faccio in tempo a farti gli auguri di là(in ritardo) che già mi trovo un altra ricettuzza! Bellissimi panini, complimenti Kja. Non posso credere che con quelle manine non riesci a fare pani lievitati. Mai pensato all'acquisto di un'impastatrice o di una MdP?

Acilia said...

Buono il chapati, mi piace.
Io fino ad oggi mi sono cimentata solo con un pane ai semi di papavero e scorza d'arancia e ne ho fortunatamente un buon ricordo [ma impastava il Bimby ;-)]
Sono convinta che le tue mani bellissime siano in grado di fare, bene, qualunque cosa.

Graziose le foto.

ape said...

kia che compra del pane??? non si è mai sentito!!

affrettati a specializzarti e diventerai una maga!!

Valentina said...
This comment has been removed by the author.
Valentina said...

Kja sto avendo delle illuminazioni guardando il tuo blog e questa ricetta(che riamanda ad un altro blog che non conoscevo):un panino morbido e profumato senza lievito, un sogno per me che devo cercare di consumare il lievito con moooolta parsimonia, mangio pane e lievitati con il lanternino ultimamente, questa ricetta la provo subito!!!

apprendistacuoca said...

bellissimi come quelli di elena! sarò noiosa ma sono costretta a a farti ancora una volta i miei complimenti!

Kja said...

Pip
Ci ho pensato ma al momento, oltre a quello vorrei(in ordine sparso)
-un sifone
-una gelatiera
-il bimby
Diciamo che, tenendo conto dell'attuale situzione economica se vinco alla lotteria forse ce la faccio.

Acilia
Anche le tue mani sono bellissime, molto femminili e curate in una maniera raffinata. Semi di papavero e arancia mi pare un abbinamento meravigliosamente profumato per un pane. Sono lieta che ti piacciono, sono scatti frettolosi, infatti questi piccoli panini vanno gustati caldissimi.

Ape
Grazie della fiducia, ma ora come ora sono un'ottima cliente della panetteria :)


Valentina
Mi fa piacere che attraverso il mio blog tu abbia conosciuto quello di Comida. E` fonte di molte ricette interessanti, raccontate da Elena con uno stile unico e piacevolissimo. Sei allergica ai lieviti? Mi spiace, ma allora anche il chapati puo ` essere una soluzione per te :)

Apprendista cuoca
Non sei noiosa, sei delicata e sensibile. Io adoro le persone come te.

Francesca said...

non c'è 2 senza tre vero? quindi mi cimenterò anch'io e vi farò sapere, a te ed Elena. Ti sono venuti bene Kja, mi sembra anche dello stesso colore di Comida. Comunque, al di là della questione sugli impasti lievitati, a me stuzzica molto l'idea di trovare ricette di pane senza lievito: questa è la ricetta del pan de queso di Adina, appunto senza lievito, anche questa nella mia lista delle ricette da provare. Buona domenca carissima

dandyna said...

benvenuta nel posterone!!

Elisa said...

Un consiglio per Valentina, sempre che abbia voglia di tenerne conto: se sei intollerante ai lieviti (se fosse allergica una sola briciola di pane le causerebbe uno shock anafilattico) purtroppo devi evitare anche il pane azzimo, in quanto anche la cottura provoca un minimo di lievitazione.
I lieviti allergeni molto insidiosi che si trovano anche in cibi cui non penseresti mai, tipo il miele. Per stare un puo' meglio non devi eliminare certi alimenti, ma li devi ruotare, iniziando con pasti liberi solo il mercoledi' sera e la domenica per poi aumentare i giorni.
Oltre ai pani devi escludere, come ti dicevo, miele, alcool, frutta troppo matura, le minestre di legumi scaldate il giorno dopo (fermentano!), le varie salse e acuni cibi jap, tipo soia, umeboshi, miso etc.
Purtroppo se non ci si passa queste cose non si sanno e ci si affida ad indicazioni sbagliate. Ti consiglio cmq di farti seguire da un bravo medico di estrazione olistica.

Lizzy said...

Ecco fatto, linkata!

Adesso però devi assolutamente inviarti a pranzo!
;D

Kja said...

Francesca
la farina di farro non mi ha pienamente soddisfatto, ti dico la verità. Era molto chiara e anche i panini erano un po' bianchi per essere di farro. la prossima volta provo un'altra marca.

dandyna
benvenuta ma cosa sarebbe il posterone? intendi quello delle foto dei blogger?

Lizzy: grazie, sei molto carina ;)

Elena said...

ti sono venuti super bene! complimenti, comidademama

Elena said...

io avevo usato della farina di farro integrale, acquistata nel negozio bio che ho accanto a casa e da cui prendo quasi tutte le farine (come quella di castagne per fare la pasta)

abbracci e ancora complimenti
elena